Web Content Viewer (JSR 286) 15min

Azioni
Caricamento...
Complesso del disseccamento rapido dell’olivo da Xylella fastidiosa (Foto di: Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Mipaaf)

Piani di emergenza

La nuova normativa in materia fitosanitaria prevede che ciascuno Stato membro elabori e tenga aggiornato, per ogni organismo nocivo prioritario in grado di entrare e insediarsi nel suo territorio, o in una sua parte, un piano di emergenza contenente informazioni sui processi decisionali, sulle procedure e sui protocolli da seguire, e sulle risorse minime da mettere a disposizione e sulle procedure volte a rendere disponibili ulteriori risorse nel caso di una presenza ufficialmente confermata o sospetta di detto organismo nocivo.

 

Informazioni e contatti

Consulta la sezione “Come contattarci

In seguito al rinvenimento nel 2016 del nematode del riso in un’area risicola del Piemonte, la Regione Lombardia ha adottato nel 2018 il “Piano regionale di emergenza per l’organismo nocivo Meloidogyne graminicola Golden & Birchfield” (D.d.u.o. 30 maggio 2018, n. 8039).

Attualmente M. graminicola è presente nel territorio lombardo. Oltre all’intensa attività di monitoraggio dell’area risicola regionale da parte del Servizio Fitosanitario al fine di individuare precocemente l’eventuale presenza del nematode, è stata istituita un’unità di crisi per la condivisione con i principali portatori di interesse delle azioni da intraprendere, il territorio è stato delimitato e sono state attivate tutte le misure fitosanitarie. Per ulteriori informazioni su questo organismo nocivo si rimanda alla scheda informativa nella sezione “Organismi nocivi - Nematodi”.

Nel 2013 il batterio Xylella fastidiosa è stato riscontrato per la prima volta sul territorio comunitario e nazionale e più precisamente in Puglia nell’area olivicola del Salento. La sua pericolosità nei confronti di numerose specie vegetali coltivate e spontanee e la facilità con cui può diffondersi ha innescato una serie di azioni comunitarie, nazionali e regionali atte ad eradicare il focolaio pugliese e a contenere la diffusione del patogeno sul territorio nazionale.

Nel 2018 l’Italia ha adottato il “Piano nazionale di emergenza per la gestione di Xylella fastidiosa” (Decreto ministeriale n. 4999 del 13 febbraio 2018; Decreto ministeriale del 5 ottobre 2018; Decreto ministeriale del 7 febbraio 2019), la cui finalità è quella di individuare le procedure in grado di garantire da parte degli organismi preposti, una risposta rapida, efficace e coordinata al primo rinvenimento ufficiale del patogeno al di fuori delle aree delimitate della Regione Puglia. In linea con quanto indicato nel piano di emergenza, il Servizio Fitosanitario della Regione Lombardia effettua il monitoraggio delle piante ospiti e degli insetti vettori. Tra le azioni messe in atto si annoverano: ispezioni nei vivai; monitoraggi nelle aree urbane e nei siti di coltivazione delle piante ospiti (oliveti e vincheti); trappolaggi nelle autostrade e nelle aree di coltivazione; controllo delle piante ospiti all’ingresso della comunità (aeroporto di Malpensa). Il Servizio Fitosanitario Regionale si avvale inoltre di piante spia di Polygala myrtifolia dislocate sul territorio al fine di individuare tempestivamente l’eventuale comparsa del patogeno.

Per ulteriori informazioni su questo organismo nocivo si rimanda alla scheda informativa nella sezione “Organismi nocivi - Batteri”.